Archivio

I ragazzi del liceo insegnanti alle scuole primarie

Si conclude un’ottima esperienza di alternanza scuola-lavoro e peer education

I progetti di alternanza scuola-lavoro a tema ambientale di quest’anno scolastico sono stati una novità davvero interessante e stimolante per il CEAS.

Foto: http://www.liceofanti.it

A conclusione del progetto di alternanza scuola-lavoro a tema ambientale “Il nostro… vegetable garden”, realizzato con le classi 3° U del Liceo Fanti Scienze Umane e 4° K del Liceo Fanti Linguistico di Carpi, ripercorriamo i momenti più importati di questo percorso di 62 ore.
Come si è svolto?  Gli studenti sono usciti dalla propria aula e hanno partecipato a incontri di formazione e ad attività pratiche che li hanno portati a creare attività didattiche in inglese e a diventare anch’essi formatori degli alunni delle primarie, affiancati dagli esperti del CEAS.

La prima fase è stata di formazione teorica, con incontri sui temi della sicurezza e dei diritti dei lavoratori, dell’educazione alla sostenibilità, dello sviluppo dei processi cognitivi in età evolutiva e di didattica delle lingue, oltre ad approfondimenti sulle attività didattiche dedicate all’orto scolastico.

In gennaio si è passati alla fase di progettazione delle attività didattiche da proporre alle primarie, con la formazione di gruppi di lavoro e la pianificazione di attività ludiche in lingua inglese e di materiali didattici adatti a bambini e alle bambine. 

È stata poi verificata la fattibilità e la coerenza delle attività progettate con il percorso didattico del CEAS sull’orto scolastico, per poi passare al momento più interessante e gratificante con la realizzazione delle attività didattiche di peer education nelle scuole primarie.

L’attività è stata proposta a 12 classi della scuola Primaria dell’Unione dei comuni delle Terre d’argine. Gli studenti del Liceo Fanti, suddivisi in gruppi di lavoro , hanno accompagnato gli esperti del CEAS nei quattro incontri del progetto “Il nostro… vegetable garden” proponendo esperienze ludiche (canzoni, filastrocche, giochi) in lingua inglese. In occasione dell’ultimo incontro hanno organizzato insieme alla scuola e in collaborazione con il CEAS anche un piccolo evento per mostrare “i frutti” del progetto e coinvolgere la comunità e in particolare i genitori.

Dal questionario di valutazione dell’esperienza rivolto ai ragazzi “grandi” emerge che sono stati apprezzati il lavoro di gruppo, il clima di lavoro positivo e stimolante, il fatto di aver avuto spazi di autonomia e di iniziativa personale, la possibilità di usare la lingua inglese con i piccoli e di poter ideare dei giochi.

Grazie a tutti gli studenti e alle professoresse Silvia Galli e Paola Marzetti!

(pubblicato il 27 Giugno 2018)